segreti e trucchi per prendersi cura del proprio RAW

CURE EXTRA PER IL MAZZO DELLA SETTIMANA

A M A R A N T O + B A S I L I C O + R U D B E C K I A + E L I C R I S O

Se vedi che le foglie tendono ad afflosciarsi e il gambo vicino alla testa diventa molle non è appassito ma non sta ricevendo abbastanza acqua. Utilizza la tecnica della scottatura della punta dello stelo con la fiamma o acqua bollente per 15/20 secondi [guarda il tutorial], rimettilo in acqua e in qualche ora il fiore tornerà a splendere.

F R O M   R A W   T O   D R Y

Tutti i fiori nel tuo mazzolino sono adatti ad essere essiccati. La maggior parte puoi metterli a testa in giù in un luogo buio e asciutto. L'echinacea puoi lasciarla essiccare in vaso con poca acqua fino a quando evapora. Rudbeckia e zinnie invece puoi posizionarle su una griglia a testa in su (va benissimo anche le fessure di alcuni tavoli in legno da esterno) in modo tale che il fiore sia supportato durante l'essicazione.

APPENA ARRIVATI

Mettili subito in acqua

I fiori RAW sono trasportati in acqua. La maggior parte dei fiori recisi si rovina se rimane anche solamente un'ora fuori dall'acqua. In estate è ancora più importante idratarli immediatamente. Scegli un vaso pulito, riempilo per metà d'acqua fresca e elimina le foglie che potrebbero entrare contatto con l'acqua per combattere la proliferazione dei batteri. Per dar spazio ai fiori di splendere slega il mazzolino.

Al riparo da fonti di calore e luce diretta

I fiori alla finestra sono bellissimi ma durano anche molto poco. Soprattutto nelle calde ore estive stai attento a non lasciare i fiori alla luce del sole anche per poche ore al giorno. Durante l'inverno non posizionare il vaso di fiori sopra il calorifero.

Lontano dalla frutta

La combinazione di frutta e fiori è stata rappresentata dai più grandi pittori, ma la frutta maturando rilascia un gas che fa appassire più velocemente i fiori.

Al riparo da aria condizionata e corrente d'aria

Se sediamo per qualche ora sotto l'aria condizionata ci prendiamo il raffreddore. Lo stesso succede ai fiori che appassiscono più velocemente. 

cura1.gif
cura2.gif

CURA 

Cambia l'acqua

Cambia l'acqua e lava il vaso anche ogni giorno nei mesi più caldi e ogni due nei mesi invernali, nell'acqua si formano batteri che accelerano la naturale decomposizione dei fiori. 

 

Taglia lo stelo

I fiori bevono dalla punta dello stelo, con i giorni questa si cicatrizza e non fa più passare acqua, ogni due giorni taglia lo stelo di 2 centimetri per dissetare i tuoi fiori più a lungo.

 

Al fresco

Nelle fresche notti lascia il tuo mazzolino all'aperto, facendo attenzione che non ci sia vento. Nelle serate calde puoi mettere il tuo mazzolino in frigorifero lasciando fuori fiori come le zinnie che invece soffrono il freddo. 

Scottare lo stelo step-by-step

Alcuni fiori come ad esempio ammi, amaranto, basilico elleboro, elicriso, geranio, ortensie (e altri) tendono ad afflosciarsi per mancanza di acqua. Per cicatrizzare lo stelo dopo averlo tagliato immergi la punta del gambo in acqua bollente per 10-15 secondi o brucia il taglio con un accendino e rimetti subito i fiori nell'acqua fresca appena cambiata.

1.gif
3.gif
2.gif
4.gif
5.gif
 

STEP 1

Il gambo del fiore è molle e ha bisogno di bere

STEP 2

Taglia circa 2/3 cm di gambo in obliquo con forbici affilate

STEP 3

Brucia con un accendino o immergendo lo stelo nell'acqua bollente l'estremità del gambo

STEP 4

Metti il gambo in acqua fresca e pulita

STEP 5

Basterà qualche ora per far tornare il tuo fiore splendente